Recensione Netflix medievale: Maledetto

-

Cursed è basato sul romanzo grafico omonimo creato da Frank Miller e Tom Wheeler, dove l’attenzione non è su Re Artù, ma piuttosto sulla Signora del lago. La serie in sé è molto femminile-centrica, con diversi personaggi femminili di primo piano nella storia. Ci sono stati centinaia di adattamenti della leggenda arturiana su film, televisione e altri media, quindi è molto difficile dare una visione unica della storia, e Maledetto dovrebbe essere accreditato con provare qualcosa di nuovo andando con questo approccio.

La prima stagione si sviluppa su 10 episodi, con l’intenzione di farla continuare su almeno una e probabilmente molte altre stagioni prima che la storia sia completamente raccontata. È incentrato su un personaggio di nome Nimue, interpretato da Katherine Langford. Lei è un Fey-una razza di persone che in parte combinato con piante o animali e hanno alcune abilità magiche. La sua gente vive in villaggi forestali da qualche parte nell’Inghilterra medievale, e apparentemente vivrebbero una vita prospera e idilliaca se non fosse stato per i Paladini Rossi.

Vestiti con abiti rossi, sono monaci cristiani militanti che vedono i Fey come creature del male e si concentrano sul loro sterminio. Quando attaccano villaggio di Nimue inizia una catena di eventi con Nimue dover andare in una missione che coinvolge una spada magica e proteggere il suo popolo dai monaci malvagi. I Paladini Rossi sono all’inseguimento, dopo aver considerato Nimue ‘la Strega del Sangue di Lupo’.

Mentre la storia di Nimue si svolge, abbiamo anche la narrativa più politica attorno al trono d’Inghilterra e ai suoi vari pretendenti. Uther Pendragon è l’attuale re, ma come gli spettatori si rendono conto rapidamente che è per lo più una figura indecisa e debole, e non sorprende che altri tramino contro di lui.

Unendo le due storie è la figura di Merlino, che ha apparentemente vissuto per centinaia di anni, ma è attualmente una figura molto ridotta – senza i suoi poteri magici e passare la maggior parte del suo tempo a bere. Tuttavia, presto si rende conto che gli eventi si stanno svolgendo in cui deve smaltire la sbornia e assumere un ruolo centrale, e presto apprendiamo di più sulla sua connessione con Nimue e la spada.

Altri personaggi arturiani presto emergono-Arthur stesso, che inizia come un mercenario di basso livello che cerca di ripristinare l’onore della sua famiglia, e sua sorella Morgana, che è una suora con un segreto. A poco a poco veniamo introdotti a più personaggi, tra cui Gawain, che in questa versione è anche chiamato il Cavaliere greco. Alcuni altri vengono menzionati verso la fine della stagione, ma non rovineremo quelle rivelazioni.

La spada magica si chiama ‘Spada del potere’ – non Excalibur-e apparentemente chi la detiene può pretendere di essere il re d’Inghilterra. Questo è il motivo per cui tutti sembrano essere dopo di esso, ma sembra anche avere un’influenza corruttrice sul suo possessore – pensare ad esso come simile a un anello di Tolkien. Questo è giocato in modo non uniforme per tutta la stagione, poiché a volte porta Nimue ad agire in modo più violento, ma in altre scene non la colpisce affatto.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *