Nuovi libri medievali: Cavalieri, dame e maiali

-

Estratto: Forse, per il nostro tempo complesso, il cavaliere rappresenta un modello eroico perfetto, senza bordi frastagliati o logori. Sono in gran parte le connotazioni cavalleresche del cavaliere che hanno imposto questo filtro; la visione rosata spesso maschera un comportamento grintoso e lontano dall’etica in campagna, anche se sembrano esserci stati alcuni guerrieri sinceramente pii. Ciò che è innegabile, tuttavia, è che il cavaliere medievale offre una finestra unica in un tempo completamente diverso dal nostro, e solo per questo motivo rimane avvincente.

Estratto: Osservando alcune testimonianze documentali che esistono riguardanti queste donne, gli uomini che hanno sposato, le famiglie in cui si sono sposati e i luoghi in cui hanno vissuto, possiamo mettere insieme una piccola parte delle loro storie, sullo sfondo degli eventi in quel momento. Con un po ‘ di immaginazione possiamo riportarli in vita e ottenere un piccolo sguardo nei loro mondi. Le donne della famiglia, che avevano molto meno potere delle loro controparti maschili, erano probabilmente solo donne normali del loro tempo, la cui sorella si sposò nella famiglia reale, una decisione su cui non avrebbero avuto alcun controllo, ma che irrevocabilmente plasmò il corso della loro vita.

Panoramica: Il romanticismo di Le Hem e Il torneo di Chauvency sono testimonianze oculari dei famosi tornei tenutisi nel 1278 a Le Hem sulle rive della Somme nel nord-est della Francia, e nel 1285 a Chauvency in Lorena. Scritti a poche settimane dagli eventi che descrivono, registrano in vividi dettagli non solo le giostre e le mêlées ma anche gli intrattenimenti e gli intermezzi drammatici che hanno preceduto, seguito e abbellito queste feste dello sport marziale. Questa è la prima traduzione di queste due fonti, offrendo agli studiosi uno sguardo non solo della cavalleria medievale e tornei, ma anche di feste e spettacoli.

Estratto: La storia inizia con un comitato di vescovi riuniti a Beaugency nel marzo 1152 per annunciare la nullità del matrimonio di Eleonora d’Aquitania con re Luigi VII di Francia. Erano sposati da quindici anni-sette come re e regina-e avevano due figlie. Pensava di aver sposato un monaco. Pensava che fosse troppo esuberante e ci sono state voci su di lei e suo zio Raimondo di Antiochia sulla loro sfortunata crociata. Essi sono stati separati da uomini di chiesa per motivi di consanguità dal momento che erano entrambi discendenti dal re Roberto II di Francia, lei in cinque gradi di esso e lui in quattro.

Estratto: Nell’alto Medioevo quasi tutti avrebbero avuto una storia su un maiale. Circa il problema che un certo maiale ha causato, o la cosa intelligente che ha fatto, o la personalità che aveva, o la roba strana che ha mangiato, o la grande lettiera che ha allevato, o la carne deliziosa che alla fine è diventato. Ma questo libro non inizia con niente del genere.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *