Libri medievali usati: da Edward a Gawain

-

Estratto: Questo lavoro offre un’indagine cronologica della storia del Sultanato Mamelucco di Bahri e un quadro narrativo all’interno del quale possono essere comprese le ricerche recenti e, forse, le ricerche future. In esso gli eventi politici sono abbinati alle riforme amministrative e sia agli sviluppi culturali.

Tranne: Il De Coniuge Non Ducenda (composto ca. 1225 – 1250) fu una delle satire antimatrimoniali più popolari del tardo Medioevo. È un poema allegro e non molto serio. Il suo protagonista è l’eroe arturiano Gawain, che era noto non solo per il valore, ma anche per sfortunati intrecci con le donne.

Estratto: La devozione ai santi ha svolto un ruolo cruciale nella vita religiosa del Medioevo. Re e regine, mercanti e artigiani, mendicanti e ladri – tutti erano uguali nel trarre ispirazione, rassicurazione e conforto dalla vita di santi martiri e pii confessori. I santi erano molto amati perché detenevano una posizione unica nella gerarchia del Cielo; avevano il potere di intercedere direttamente presso Dio a favore dei viventi. A livello personale, le persone hanno pregato affinché i santi intervenissero di fronte agli inevitabili pericoli della condizione umana: la sofferenza del parto, le difficoltà di un lungo viaggio o l’attuale minaccia di peste.

Estratto: Dalla rivoluzione del 750 che portò la dinastia al potere fino al suo crollo negli anni ’30 e’ 40 il califfato abbaside fu di gran lunga il più grande potere politico del mondo islamico. Ma era più di questo; era la continuazione di quel califfato universale che era stato stabilito da Abu Bakr e dai suoi sostenitori subito dopo la morte del profeta Maometto nel 632, che doveva continuare in diverse forme e in luoghi diversi fino all’abdicazione dell’ultimo califfo ottomano nel 1925.

Questo libro parla di pittori e il mestiere della pittura durante il Medioevo in Europa occidentale. Riguarda la pittura, la colorazione di pareti intonacate o pannelli di legno o altre superfici di grandi dimensioni, piuttosto che illuminare la decorazione su piccola scala di pergamena o carta con vernice e foglia d’oro. Il fatto che l’illuminazione sia talvolta menzionata in questo studio indica che non è mai stata completamente separata dalla pittura. Entrambi hanno coinvolto l’arte del pennello. Tuttavia, la pittura medievale e l’illuminazione impiegavano materiali diversi e, nel complesso, erano praticati da persone diverse e visti da un pubblico ampiamente diverso.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *