La fontana della giovinezza nei film

-

Le leggende della Fontana della Giovinezza, una sorgente le cui acque ridanno giovinezza a chiunque le beva, risalgono all’antichità classica. I conti possono essere trovati nell’antico scrittore greco Erodoto e negli storici di Alessandro Magno. Nel Nuovo Mondo, gli indigeni Arawak di Hispaniola avevano una leggenda di una terra di ricchezza, Beimeni / Beniny, situata da qualche parte a nord-ovest. Altre leggende narrano di Bonica (forse nel golfo dell’Honduras) che è stato anche associato con una Fontana della giovinezza. Queste leggende presto portato a spedizioni nel 16 ° secolo per trovare la fontana leggendaria e le loro avventure, a loro volta, hanno ispirato i registi a ritrarli.

Hurricane Island del 1951, diretto da Lew Landers per la Columbia Pictures, raffigurava la ricerca della Fontana della Giovinezza nel 1513, in Florida (dato il clima della Florida e il gran numero di pensionati che vi affluiscono, forse le leggende persistono). La storica spedizione del 1513 fu guidata da Juan Ponce de León (interpretato da Edgar Barrier), un conquistador e gentiluomo volontario con il secondo viaggio di Cristoforo Colombo nel 1493. Il brevetto reale (datato al febbraio 1512) concesse a León il permesso di esplorare e menziona la rivendicazione dell’isola (e della ricchezza) di Beniny. Nessuno degli scritti di León o di altre testimonianze contemporanee menziona specificamente la Fontana della Giovinezza, ma diversi individuano il Beniny come oggetto delle loro esplorazioni. Successivamente León guidò il primo tentativo di colonizzare (l’isola di) Florida nel 1521, ma fu incontrato da una feroce resistenza e il tentativo fu abbandonato. León fu ferito in quella spedizione e morì poco dopo la ritirata della spedizione a Cuba.

La versione cinematografica si apre con l’isola della Florida rivendicata da León nel 1513, accompagnata da spagnoli armati di moschetto (in corazze ed elmi Morion; tutti gli altri dettagli dell’abito spagnolo sembrano appropriati). L’armatura più elaborata dello stesso León è modellata su quella dei ritratti contemporanei di re Carlo V. La parte dello sbarco viene immediatamente attaccata da nativi ostili (che assomigliano molto più a quelli dei Western familiari piuttosto che alla rappresentazione più accurata delle tribù indigene che abbiamo visto). Più tardi otteniamo danza tribale, ma è fantasiosa (e non a tutti ‘nativo’). La tribù della Florida, chiamata Carralu(?) (e non destinato a far parte della Nazione Seminole come era storico) è governato da una donna, Okahla, interpretata da Jo Gilbert in una delle sue prime apparizioni cinematografiche. Questo è un tocco interessante, e uno in linea con ciò che sappiamo dell’importanza di altre figure femminili tribali e tendenze matrilineari nel Nuovo Mondo che abbiamo esplorato. Nessuno è specificamente menzionato per le tribù della Florida, tuttavia. C’è anche un riferimento accurato a un dio ‘Yuracan’ che deve essere il dio Taino ‘Huracan’, ‘dio della tempesta’ da cui otteniamo la parola uragano.

Siamo nel vivo della battaglia fin dai primi momenti del film – le frecce dei nativi sono molto efficaci, trovando punti vulnerabili (non armati) sugli spagnoli. Data l’inefficacia militare della spedizione di León contro le tribù locali, va bene. Eppure abbiamo ancora diversi tropi-i locali sono finalmente scacciati da un’esplosione – un barile di polvere accesa da un bullone di balestra fiammeggiante. Qui però, gli invasori si ritirano immediatamente a Cuba, così una campagna di sette mesi è ridotta a quattro minuti sullo schermo-la spedizione di León non è stata così infruttuosa!. León è ferito e può essere guarito solo dalla Fontana della Giovinezza-così otteniamo una combinazione della spedizione del 1513 e della ferita che León subì nel 1521.

Una donna pirata, Jane Bolton, interpretata da Marie Windsor, sente parlare della visita programmata, presume che la Fontana sia piena d’oro (viene anche chiamata la Fontana d’oro, combinando così le leggende) e cerca di rubare la mappa della sua posizione. Abbiamo anche il complicato (e impreciso) dettaglio delle donne europee prigioniere a Cuba che sono convinte a diventare potenziali mogli per la nuova colonia della Florida e collocate a bordo della nave con la spedizione. E così, l’invasione della Florida è fatta da uomini corazzati e code di potenziali mogli.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *