sabato, Novembre 27, 2021
Caratteristica

Il sublime industriale

Il 28 luglio, l’UNESCO ha aggiunto il paesaggio di ardesia del Galles nord-occidentale alla sua lista dei siti del patrimonio mondiale, che attualmente sono 1.154. Chris Catling riporta le ragioni di questa iscrizione e si meraviglia dell’ingegno umano che ci ha lasciato con un paesaggio notevole che combina caratteristiche naturali e artificiali-pienamente degno di essere incluso nel livello superiore di tutti i siti del patrimonio mondiale.

Quando apro il mio computer per iniziare a lavorare ogni giorno, mi viene presentata una fotografia screensaver per gentile concessione di Microsoft raffigurante una parte drammaticamente scenica e lontana del mondo – spesso negli Stati Uniti o in Sud America. La mia reazione è spesso “Bella, ma abbiamo altrettanto bene in Galles”. Non basta prendere la mia parola per questo: nel salutare l’iscrizione del paesaggio di ardesia del Galles nord-occidentale come paesaggio culturale del patrimonio mondiale, i giornalisti hanno cercato superlativi. Insediamenti di ardesia a lungo abbandonati nel loro ambiente montano sono stati paragonati alla cittadella peruviana del 15 ° secolo di Machu Picchu, mentre le sagome di mulini di ardesia senza finestre e case motore sono state paragonate alle conchiglie romanticamente rovinate di abbazie e cattedrali medievali.

Naturalmente, non è per valore estetico o poetico che si è concesso lo status di Patrimonio Mondiale. Devi fare una dichiarazione convincente di “eccezionale valore universale” e dimostrare che il tuo sito nominato soddisfa una serie di criteri rigorosi relativi all’integrità, all’autenticità e al valore probatorio. Per fare questo, i miei colleghi della Commissione reale sui monumenti antichi e storici del Galles – in particolare l’archeologa industriale Louise Barker e il fotografo aereo Toby Driver – hanno lavorato con l’esperto di archeologia dell’ardesia David Gwyn negli ultimi cinque anni per produrre un pesante dossier di 472 pagine di prove per sostenere la nomina.

Devi anche produrre un piano di gestione della conservazione che proteggerà i valori speciali inerenti al paesaggio nominato in perpetuo, e questo compito è caduto in una partnership di istituzioni del patrimonio guidate dal Consiglio del Gwynedd e tra cui il governo gallese, Cadw, il Parco nazionale di Eryri (Snowdonia), il Museo Nazionale del Galles, il National Trust, l’Università di Bangor e molte aziende individuali, agricoltori e proprietari terrieri. È a loro merito che sono riusciti collettivamente a persuadere alcuni esperti del patrimonio e della conservazione molto difficili da accontentare che questo eccezionale paesaggio industriale soddisfa i criteri del Patrimonio mondiale.

DEGNO DELLO STATUS DI PATRIMONIO MONDIALE
Il paesaggio di ardesia del Galles nord-occidentale è stato inscritto come un paesaggio culturale-una categoria distinta in termini di patrimonio mondiale, definito come un’area che rappresenta un esempio eccezionale di interazione umana con l’ambiente naturale, abbracciando ‘le opere combinate della natura e dell’uomo’. Il paesaggio di ardesia ha sei parti componenti, tutte situate all’interno della contea di Gwynedd, per un totale di 3.259, 01 ettari (e, sì, l’UNESCO insiste su questo tipo di precisione). Tutti e sei i siti sono ulteriormente protetti da una zona cuscinetto comprendente 250.400 ulteriori ettari di paesaggio che è protetto sia come parte del Parco Nazionale di Eryri (Snowdonia) o come un paesaggio di eccezionale importanza storica in Galles.

Questo approccio cintura-e-bretelle ha lo scopo di proteggere punti di vista significativi all “interno, verso, e fuori del paesaggio patrimonio mondiale, e i confini precisi sono stati un importante punto di discussione con l” UNESCO nel corso degli anni. Inizialmente, il team dietro la nomina ha voluto includere cave di lavoro, con il pieno supporto dei proprietari delle cave. Sir Neil Cossons, membro del gruppo direttivo del progetto slate, ha a lungo sostenuto che l’archeologia industriale è un guscio vuoto senza le competenze di vita necessarie per mantenere e gestire il patrimonio protetto (vedi il profilo di Sir Neil in CA 216).

In effetti, alcune di queste abilità sono sopravvissute all’interno del paesaggio del patrimonio mondiale. I visitatori del National Slate Museum di Llanberis possono assistere a dimostrazioni di slate-splitting per creare lastre di copertura, e ci sono due ferrovie a vapore conservate all’interno delle sei parti componenti, entrambe originariamente costruite per trasportare l’ardesia dalla cava al porto: la Talyllyn e la Ffestiniog & Welsh Highland railways. Ma il piano più ampio di includere miniere e cave attive è caduto nel dimenticatoio in una fase iniziale perché gli esperti dell’UNESCO hanno ritenuto che avrebbe compromesso il rigoroso requisito di fornire i massimi livelli di protezione al paesaggio designato.

La rimozione di Liverpool e Dresda dalla lista del Patrimonio mondiale dimostra quanto rigorosamente l’UNESCO politiche le responsabilità di conservazione che accompagnano lo status di Patrimonio mondiale, così come gli avvertimenti dell’UNESCO sugli sviluppi a Bath, Edimburgo e il paesaggio di Stonehenge che considerano una minaccia per tale status. La preoccupazione dell’UNESCO per la rinascita dei diritti di estrazione dormienti nel paesaggio minerario della Cornovaglia, innescata dal crescente valore di vari minerali ed elementi di terre rare, significa che le aree della regione gallese dell’ardesia con diritti di estrazione minerale dormienti ma ancora validi hanno dovuto essere escluse da questa recente designazione.

Queste eccezioni a parte, il paesaggio ardesia comprende una vasta gamma di beni del patrimonio, abbracciando cave collinari, miniere sotterranee cavernose, e massicce cascading rifiuti-tips; l “intera panoplia di infrastrutture necessarie per estrarre e lavorare l” ardesia, tra cui case motore, timonerie, e mulini alimentati da sistemi idrici ingegnosi; le pendenze e le funivie aeree trasportavano ardesia grezza e lavorata dalle colline remote ai tram, e le ferrovie a scartamento ridotto in grado di negoziare terreni montuosi mentre trasportavano ardesia lavorata ai porti di Port Penrhyn e Porthmadog per la spedizione in tutte le parti del mondo.

Inoltre, comprende le case dei lavoratori di ardesia, cappelle, istituti, scuole, e un ospedale, così come il Museo Nazionale di ardesia e le sue collezioni, e le case dei gestori di cava e ricchi proprietari, tra cui il Castello di Penrhyn, la finta pila medievale costruita dal signore aristocratico Penrhyn, ora sotto la cura del National Trust. Il patrimonio immateriale della lingua gallese non è dimenticato nella designazione, neanche. Come David Gwyn ha detto ai giornalisti quando è stata annunciata la decisione dell’UNESCO, la produzione di ardesia è l’unica industria su larga scala in Gran Bretagna condotta interamente in una lingua diversa dall’inglese.

FARE UN GIRO
Ci sono molti modi per sperimentare il paesaggio ardesia, sia facile e più impegnativo. Basta guidare lungo la A470 immediatamente a nord di Blaenau Ffestiniog ti porterà faccia a faccia con uno dei fatti affascinanti sull’industria dell’ardesia: che per ogni 10 tonnellate di ardesia estratta da collina e caverna, il 90 per cento è rifiuti e solo il 10 per cento è utilizzabile per la conversione in lastre o ardesia per tetti. Di conseguenza, l’eredità più visibile del settore è l’enorme cumulo di rifiuti di ardesia che fiancheggiano entrambi i lati di questo tratto di strada. Proprio nel mezzo di queste montagne di detriti è il Llechwedd Ardesia Caverna, che non fa parte del Patrimonio Mondiale paesaggio, ma è ben merita una visita, tuttavia, per la rara opportunità di viaggiare in ferrovia 500 piedi in una profonda miniera con una guida turistica esperta e ottenere una sensazione reale per il muscolo umano ed ingegno, a forma di Snowdonia miglia di metropolitana ardesia funzionamento.

Altri modi relativamente facili e divertenti per conoscere l’industria dell’ardesia includono visitare il castello di Penrhyn, vicino a Bangor, o viaggiare sulle Talyllin o Ffestiniog & Welsh Highland railways. Il Museo Nazionale di ardesia è un’altra destinazione importante, anche se le sue esposizioni sono un po ‘ datato e non sono così informativo come suggerisce il nome. Situato in un ex complesso ingegneristico costruito nel 1870, è più interessato a come le macchine e gli strumenti minerari sono stati realizzati e mantenuti che ai metodi con cui l’ardesia è stata estratta e lavorata; d’altra parte, la fila (trasferita) di cottage dei lavoratori di ardesia nel parco del museo offre una visione intrigante delle condizioni abitative in date diverse tra il 1830 e il 1960. Il governo gallese ha anche recentemente annunciato la sua intenzione di investire nell’aggiornamento del sito per creare un nuovo Museo del Galles del Nord.

Per una visione dettagliata dell “archeologia del settore ardesia, non v” è alcun sostituto per la lettura di David Gwyn pluripremiato libro Welsh Slate ed esplorare le varie parti del paesaggio patrimonio dell ” Umanità da soli, forse per mezzo del 83-mile way-segnato Snowdonia Slate Trail o facendo alcune delle più brevi passeggiate giorno circolare descritte nei libri di autore locale, Des Marshall.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top