Il Getty riapre con una nuova mostra sui manoscritti miniati medievali

-

Il J. Paul Getty Museum riaprirà il 25 maggio. Con esso arriva una nuova mostra: Potere, giustizia e tirannia nel Medioevo, che mostrerà come l’Europa medievale ha lottato con molte delle stesse questioni di potere e privazione dei diritti umani che la società contemporanea deve affrontare oggi.

” L’uso e l’abuso di potere è stato oggetto di intense discussioni nel Medioevo, ispirando opere d’arte che espongono la divisione tra ideali politici e religiosi da un lato e la realtà dell’esperienza vissuta dall’altro”, afferma Timothy Potts, Maria Hummer-Tuttle e Robert Tuttle direttore del J. Paul Getty Museum. “I manoscritti miniati di questa mostra, tratti esclusivamente dalla collezione del Museo, mostrano come gli artisti hanno esplorato le intersezioni tra potere, giustizia e tirannia, e illustrano la tensione tra le aspirazioni nobili e gli istinti più bassi dell’umanità, entrambi rappresentati. I visitatori possono ben vedere risonanze con eventi recenti-un altro esempio, se fosse necessario, del potere dell’arte di esprimere e influenzare le principali questioni sociali e ideologiche nel corso della storia.”

Politica e religione erano intimamente intrecciate nel Medioevo, come si può vedere in un’immagine nella mostra che mostra l’incoronazione del re dei Franchi. Il re intronizzato è affiancato da un lato da rappresentanti della Chiesa e dall’altro da membri della nobiltà. Il re era il più alto potere nel paese, ma il suo diritto di governare era conferito dalla Chiesa.

In un’altra immagine che indica lo stretto rapporto tra Chiesa e Stato, San Leonardo rompe le sbarre di una prigione per liberare un bambino in gabbia. Quando onorato dal re Clovis, il santo aveva chiesto solo per il diritto di liberare i prigionieri che erano stati ingiustamente detenuti – un privilegio altrimenti detenuto solo dal re.

Anche le figure storiche a lungo venerate non sfuggono all’attenzione degli illuminatori manoscritti, come si vede in un’illustrazione di Alessandro Magno, la cui vita servì da modello di leadership sia buona che cattiva per i governanti medievali. L’artista rivela i propri pregiudizi scrivendo che” per evitare un cattivo esempio”, ha cambiato il sesso dell’influente amante maschile di Alexander in una seduttrice femminile. L’amante di Alexander di influenza assunto aveva sopra le decisioni politiche aveva lo scopo di illustrare il comportamento immorale di Alessandro, secondo costumi medievali.

Un’immagine dell’eroina mitologica Arianna appoggiata alla sua scrivania, scrivendo una lettera al suo amante infedele, Teseo, fornisce informazioni sul modo in cui le donne esercitavano il potere nel mondo medievale. Arianna aveva aiutato Teseo a sfuggire a morte quasi certa, solo per essere abbandonato. Questa immagine struggente illustra una traduzione del testo dell’autore romano Ovidio Heroides (Eroine), una serie di lettere immaginate da donne leggendarie dell’antichità agli uomini che li hanno offesi. Di proprietà di Anna di Bretagna (1477-1514), regina di Francia, il manoscritto offre una visione allettante dei gusti letterari di un’influente donna medievale che era interessata alle ingiustizie contro le donne. Il manoscritto è stato acquistato dal Getty quest’anno, e questa mostra segna la sua prima esposizione al pubblico nei suoi 500 anni di storia.

La mostra comprende numerosi esempi di governanti apparentemente benevoli che in realtà avevano scopi tirannici, la lotta tra partiti di governo laici e religiosi e le torture che attendono coloro che sono spericolati e crudeli nella loro ricerca del potere.

” Quattro curatori del Dipartimento Manoscritti si sono riuniti per concepire questa mostra, originariamente prevista in concomitanza con le elezioni nazionali degli Stati Uniti nell’autunno del 2020″, afferma Elizabeth Morrison, Senior Curator of Manuscripts. “La pandemia ha ritardato la mostra, ma i suoi temi sembrano ancora più rilevanti ora, in un mondo scosso dagli eventi dello scorso anno.”

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *