I nuovi furgoni e autocarri diesel saranno vietati entro il 2040 e l’aviazione diventerà neutrale in termini di carbonio nell’ambito del trasporto pubblico “greenprint”

La vendita di nuovi furgoni e autocarri a benzina e diesel sarà vietata a partire dal 2040 come parte di un ambizioso piano per decarbonizzare i trasporti nel Regno Unito entro la metà del secolo.

Il piano di decarbonizzazione dei trasporti del governo fermerà la vendita di tutti i veicoli pesanti inquinanti entro il 2040, con piani per fermare la vendita di veicoli con motore a combustione di peso compreso tra 3,5 tonnellate e 26 tonnellate cinque anni prima.

Mira inoltre a rendere l’industria aeronautica del Regno Unito a zero emissioni nette entro il 2050 attraverso l’uso di aerei più efficienti, combustibili sintetici e persino aerei elettrici o alimentati a idrogeno e compensazione del carbonio.
Secondo il governo, il trasporto è il più grande contributore alle emissioni di gas serra del Regno Unito, con il trasporto su strada responsabile di un quarto di tutte le emissioni. Come parte dei suoi sforzi per ridurre queste emissioni a zero netto, il governo vuole cambiare radicalmente il volto del trasporto su strada, tra cui il divieto di vendita di nuove auto a benzina e diesel entro il 2030 e la graduale eliminazione di altri veicoli ICE recentemente annunciato.

Tale mossa richiederebbe ai trasportatori, alle società di logistica e agli operatori del trasporto pubblico di adottare veicoli a emissioni zero. Sono già in corso prove di autocarri alimentati a idrogeno, ma non sono ancora disponibili in commercio.

Il piano include anche l’impegno a passare l’intera flotta di auto e furgoni del governo a modelli elettrificati entro il 2027 e la legislazione per costringere i produttori a rendere tutti i caricabatterie EV privati caricabatterie “intelligenti”.

Il segretario ai trasporti Grant Shapps ha affermato che il piano è stato un percorso” leader a livello mondiale “e” credibile “per l’industria dei trasporti per raggiungere lo zero netto entro il 2050, ma lo schema è stato criticato per fare affidamento su veicoli e tecnologie che non lo fanno ancora exist.Mr Shapps ha detto:” Non si tratta di fermare le persone a fare le cose: si tratta di fare le stesse cose in modo diverso. Voleremo ancora in vacanza, ma in aerei più efficienti, utilizzando carburante sostenibile. Guideremo ancora, ma sempre più in auto a emissioni zero.

“Il piano di decarbonizzazione dei trasporti è solo l’inizio: avremo bisogno di continui sforzi e collaborazione per rispettare i suoi ambiziosi impegni, che alla fine creeranno una crescita economica sostenibile attraverso comunità più sane mentre costruiamo di nuovo più verdi.”

Rod McKenzie, amministratore delegato dell “Associazione autotrasporto, ha detto che ha sostenuto l “obiettivo di decarbonizzazione, ma il piano era” aspirazioni blu-cielo davanti…realt”.

Ha detto: Questi HGV alternativi non esistono ancora. Non sappiamo quando lo faranno e non è chiaro come sarà qualsiasi transizione.”Per molte aziende di autotrasporto ci sono timori circa il costo dei veicoli nuovi e un crollo del valore di rivendita dei camion esistenti.”

Sono stati criticati anche gli obiettivi di rendere il trasporto aereo nazionale netto carbon neutral. Il deputato del partito verde Caroline Lucas ha detto alla BBC che il governo stava “ingannando “il pubblico e l’annuncio era un” volo di fantasia ” che si basava sulla tecnologia che era ancora in fase di sviluppo.

Il piano include anche proposte per costringere i produttori di automobili a migliorare l’efficienza dei nuovi veicoli stradali e il sostegno per incoraggiare “viaggi attivi” come camminare e andare in bicicletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *