Film medievali ambientati in Nord America

-

Mentre la maggior parte dei film raffiguranti l’America medievale sono interessati con la storia della conquista nel 16 ° secolo, in questa colonna ci accingiamo a guardare altri film – quelli ambientati in Nord America. Sorprendentemente, questo dimostra di essere un set di film relativamente piccolo (ma vario). Abbiamo film dei vichinghi in Nord America, film di Hiawatha, e un notevole film della cultura Inuit, Atanarjuat, Il corridore veloce.

Hiawatha era un leader indiano pre-coloniale e co-fondatore della Confederazione irochese nel 15 ° secolo (le sue date variano dal 12 ° secolo al 16°). A causa del ciclo distruttivo della violenza inter-tribale, Hiawatha unì le Cinque Nazioni: Seneca, Cayuga, Onondaga, Oneida e Mohawk, in un’unica confederazione. Ci sono alcuni aspetti interessanti della storia Hiawatha, come ad esempio il suo vagare nel deserto dopo la perdita della sua famiglia fino a quando ha incontrato Deganawida (il Grande Pacificatore) che lo ha convinto della necessità di un unirsi in pace delle nazioni. In alcune versioni c’è anche Jigonsahseh, la Regina della pace, che ha approvato il messaggio di pace e riconciliazione di Deganawida. Hiawatha fu in grado di convincere il temuto Atotarho, capo di guerra degli Onondaga, a cessare definitivamente il ciclo di faide di sangue e guerre di lutto.

Oltre alla vasta gamma di date suggerite, altri dubitano Hiawatha era una figura storica a tutti. C’è anche un dibattito su quale nazione è venuto da. Il poema epico immaginario di Henry Wadsworth Longfellow The Song of Hiawatha (1855), tuttavia, presenta aspetti di un altro eroe popolare, l’algonquiano, Nanabozho. Si tratta di Longfellow La canzone di Hiawatha che è stato girato più volte (è stato anche oggetto di innumerevoli opere teatrali e adattamenti musicali). Girato tra il 1909 e il 1910 (con attori bianchi), il film muto del 1913 di 40 minuti fu il primo ad utilizzare un cast nativo americano. Jesse Cornplanter, come Hiawatha, era della Nazione Seneca e 150 persone di quella nazione furono anche usate nel film. Il film del 1913 raffigura un Hiawatha in ritardo e gli fa raccomandare un missionario cristiano come il vero profeta al suo popolo.

Un tentativo della Monogram Pictures Corporation di filmare la vera storia di Hiawatha nel 1950 dovette essere scartato per paura che il tema della pace e della riconciliazione sarebbe stato considerato propaganda comunista nel calore della guerra fredda e al culmine delle indagini della Blacklist di Hollywood e della House Un-American Activities Committee (HUAC). Anche contemplando un film che potrebbe essere pensato per avere simpatie comuniste in quel momento potrebbe significare tutti i soggetti coinvolti avrebbero difficoltà a trovare lavoro in seguito.

Invece, in quella che sarebbe stata la loro ultima produzione, Monogram produsse Hiawatha di Kurt Neumann nel 1952, un’altra versione del poema di Longfellow. Secondo alcuni, tuttavia, il film era ancora criticato per le sue connotazioni “rosse” e potrebbe essere stato scritto da uno scrittore che è stato poi inserito nella lista nera (è l’ultimo film accreditato allo scrittore Arthur Strawn). Il messaggio di paura dei vicini e degli stranieri che possono essere accolti con aggressione e conquista o conoscenza e pace è uno che risuona e divide ancora oggi la politica estera e interna.

Il film del 1952 ha interpretato gli attori caucasici Vincent Edwards e Yvette Dugay. Edwards era un italo-americano, nato a Brooklyn; Dugay era un americano nato da genitori francesi, ma era typecast come esotico dall ” aspetto fin dalla tenera età e aveva già interpretato personaggi aborigeni in diversi Western. La tintura della pelle per questi attori caucasici è fatta meglio che in molti film successivi. La cultura nativa è, come ci si aspetterebbe, ovunque: dalle canoe, wigwams e warpaint alle acconciature, copricapo e abbigliamento di braves e fanciulle. Tutto sembra a posto anche se ci possono essere imprecisioni specifiche per le tribù reali raffigurati.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *