Conquistador! Hernán Cortés nei film

-

La questione della conquista produce alcuni film e serie inaspettate e notevoli (quelli che esplorano El Dorado e la Fontana della giovinezza appartengono anche qui) – ma sono così complessi che tutti avranno bisogno di un articolo ciascuno! La conquista, nel primo quarto del 16 ° secolo, è stato saldamente piantato nel Medievale-le idee, ideologie, e le tattiche erano tutti completamente medievale – non vi era alcun uso di tattiche d ” avanguardia o anche le tecnologie che sono stati sviluppati in Europa, allo stesso tempo. I conquistadores non avevano mai abbastanza uomini per formare un tercio e non potevano usare il luccio ammassato che apparve in Spagna nella guerra di Granada.

La tecnologia portata nel Nuovo Mondo era quindi di per sé tardo medievale (compreso l’acciaio e la polvere da sparo) e si dimostrò sufficiente e superiore a quelle delle culture indigene. Come vedremo, molte delle conquiste hanno preso un numero notevolmente piccolo di uomini. Inoltre, le culture locali si sono alleate con gli spagnoli e hanno colto l’occasione per intraprendere una continuazione delle tradizionali guerre tribali o guerre di vendetta sui nemici tradizionali. Conquistatori successivi come Francisco Pizarro saranno esplorati nel nostro prossimo articolo. Fino a poco tempo fa, Cortés è stato ritratto relativamente raramente sullo schermo (abbiamo già esplorato L’Altra Conquista), ma c’è stata una serie di ritratti mentre si avvicinava il 500 ° anniversario.

Potremmo considerare che la conquista delle Americhe iniziò immediatamente con l’arrivo di Colombo (e Colombo arrivò effettivamente con truppe e stabilì forti e guarnigioni dal 1492 in poi). Colombo venne anche con missionari cristiani, per non parlare delle malattie europee che avrebbero decimato le popolazioni locali. Non è stato fino all’inizio del 16 ° secolo, tuttavia, che sono stati fatti sforzi concertati per conquistare gli imperi locali. Le prime conquiste consistevano principalmente di soldati spagnoli, noti come conquistadors (letteralmente “conquistatori”), armati con armi e armature tipiche dell’epoca. Alcuni cannoni furono portati e (pochissimi) cavalli. Alcune conquiste furono fulminee e relativamente facili. Allo stesso tempo, tuttavia, altre parti di questa “nuova” terra erano incredibilmente testarde e la loro conquista richiedeva decenni. Alcune aree hanno anche continuato la resistenza per secoli. Questa è stata principalmente una conquista spagnola, anche se – come estensione della politica di potere europeo-diverse altre potenze europee ottenuto in atto pure.

La prima conquista fu, forse, la più riuscita. Nel 1519 Hernán Cortés conquistò l’impero Azteco in una rapida campagna di due anni. Dopo il lancio da Cuba, portando con sé 500 uomini (compresi gli schiavi) e 13 cavalli. Cortés dimostrò che la conquista poteva essere un’estensione della politica locale e usò con successo le rivalità azteche per aiutare la sua conquista, alleandosi con una fazione degli indigeni (i Tlaxcala) che erano rivali tradizionali contro gli altri, specialmente i Mexica di Moctezuma.

Le città maya della penisola dello Yucatán, al contrario, impiegarono molto più tempo per conquistarle, anche se il primo contatto con loro era stato fatto durante il quarto viaggio di Cristoforo Colombo nel 1502. L’ultima città Maya non cadde fino al 1697. 1532 vide la prima campagna contro l’impero Inca del Perù, guidata da Francisco Pizarro (con solo 200 uomini). Ancora una volta, questa non fu una conquista rapida, che durò fino al 1572.

I tentativi di mettere questa storia drammatica e storica sul film sono notevolmente pochi. Abbiamo Captain from Castile del 1940, una breve esplorazione in The Other Conquest (che abbiamo già esplorato), e un film imperdibile del 2008 (ma lo menzioneremo). Cortés è stato il soggetto di un episodio di Heroes and Villains della BBC anche nel 2008 (contrassegnato con Attila, Spartacus, Napoleon, Riccardo Cuor di Leone e Tokugawa Ieyasu – che mix interessante!). L’avvicinarsi del 500 ° anniversario ha visto una miniserie, Conquistadores Adventum, nel 2017, poi nel 2018 una serie TV messicana, Malinche, che si è concentrata sul ruolo di Doña Marina, interprete e consorte di Cortés. Nel novembre 2019, Amazon Prime ha prodotto Hernán, una serie in lingua spagnola (di otto episodi anche se la seconda stagione ha iniziato le riprese all’inizio del 2020). Un urlo anche per l’opera italiana del 1809 Fernando Cortez di Gaspare Spontini, commissionata da Napoleone, che è stata eseguita e girata nel 2019 (sempre per l’avvicinarsi del 500 ° anniversario).

Il capitano di Castiglia del 1947 diretto da Henry King interpreta Tyrone Power nel ruolo di Pedro de Vargas che si unisce alla spedizione di Hernán Cortés nel 1519. Il film è basato su un popolare romanzo d’avventura storico con lo stesso nome di Samuel Shellabarger pubblicato nel 1945. I diritti cinematografici erano stati effettivamente acquistati da Darryl F. Zanuck della Twentieth Century Fox prima della pubblicazione, nel 1944, per l’allora vasta somma di $100.000. Il film è degno di nota per i cinemafiles poiché fu il debutto di Jean Peters (che in seguito sposò Howard Hughes) e dell’attore Mohawk Jay Silverheels nel ruolo dello schiavo azteco Coatl (in seguito interpretò Tonto nella serie televisiva The Lone Ranger). Aveva anche una partitura di Alfred Neuman che a sua volta aveva un lungo aldilà come suite orchestrale.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *