Alan Biggs: Se Slavisa Jokanovic non ha il controllo del transfer trading come può rispondere alle domande su di esso?

Fair play su una raffica di acquisti pre-scadenza, con alcune aggiunte di qualità.Ma continuo a pensare recenti morsi sonori inquietanti da Bramall Lane sono stati un microcosmo di un problema più ampio in football.It potrebbe non essere politicamente corretto dirlo, ma la maggior parte degli articoli che arrivano nella famiglia Biggs sono acquistati dall’altra metà della partnership.Mentre potrei essere consultato e chiesto preferenze, io non sono responsabile di esso e non guida it.So supponiamo che venissi interrogato una o due volte, anche tre volte alla settimana, su cosa “noi” stavamo comprando. E in pubblico. Ah, uhm.Signore e signori, il destino del moderno manager di calcio.

Mentre a livello nazionale potrei fare riferimento alla mia dolce metà, sono tenuti a front it all out quando si tratta di firmare e scaricare i giocatori.Si da ‘ il caso che questa sia una colonna dello Sheffield United. Negli ultimi anni avrebbe potuto essere uno Sheffield Wednesday.E in questo momento potrebbe applicarsi a qualsiasi numero di club nelle alte sfere.Non penso che Jokanovic – o qualsiasi altro manager-debba continuamente affrontare domande sul trading di trasferimento a meno che non siano loro a chiamare i colpi.Non è il momento per chi lo fa di affrontare la musica? Non che siano facilmente identificabili in alcuni club, anche se a Bramall Lane è ragionevole supporre che il proprietario Prince Abdullah, il CEO Steve Bettis e il “capo del calcio” Jan van Winckel siano i principali motori e agitatori.Una certezza più grande è che non sono disponibili per essere interrogati, non pubblicamente responsabili.

Che è diventata la norma-ovunque.Considerando che il manager non è solo permanentemente sotto i riflettori, ma quello più probabilità di perdere il lavoro in base ai risultati della sua squadra, dipendente in misura elevata su un processo di acquisto e vendita in corso sopra la sua testa.Non ho dubbi che Jokanovic abbia avuto l’approvazione finale sull’eventuale scadenza – ma perché, in evidente rabbia e frustrazione, ha finito per puntare il dito sopra la sua testa?Ora non sto necessariamente denigrando il modo moderno per il coaching e la gestione della vecchia scuola da separare.Mentre crederò sempre che il manager guidato sia il migliore, escludendo gli effettivi dadi e bulloni degli accordi contrattuali, è possibile avere team dietro le quinte che lavorano in armonia.Certamente i giorni di un” manager ” sono esattamente quelli che sembrano essere finiti, non da ultimo a causa delle richieste in espansione.

Ma l’attività di interrogare il “capo” su questi argomenti sta diventando sempre più inutile e irritante. Se non hanno il controllo, come possono rispondere?Anche se fossero loro a comandare la situazione, difficilmente sarebbe nel loro interesse rivelare troppo di un’operazione clandestina sempre più manipolata dagli agenti.Il nuovo modo di Sheffield United, centrale per il cambio di manager, va bene. Se funziona. Il consiglio voleva un maggiore controllo su di esso-devono dimostrare in grado.Sono solo sorpreso che, come collettivo, i manager non abbiano tracciato la linea e dichiarato tutte queste domande off limits.
O forse temono una reazione da parte dei fan perché nessun altro risponderà loro?Ancora una volta, un problema per il calcio nel suo complesso da considerare. Non è solo un club che riferimento, ci deve essere un modo migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *